frutti-di-bosco-1E’ il caso di dirlo: piccoli, ma buoni.

I frutti di bosco rappresentati da una varietà di frutti del sottobosco come mirtilli, fragoline di bosco, more, lamponi, e poi ancora ribes, crescono selvatici nei nostri boschi, deliziando dolcemente il nostro incontro con la natura, magari durante un trekking o una rilassante gita fuori porta.

Ricchi di proprietà benefiche e curative per la salute, sono inoltre ottimi per chi desidera coccolarsi con sapori dolci senza grossi impatti calorici, assicurando una ricaduta di piacere e leggerezza al proprio corpo.

I frutti di bosco contengono un ampio spettro di composti fenolici dal potere antiossidante come i flavonoidi (antocianine, flavoni) e gli acidi fenolici, i quali favoriscono i processi di rigenerazione cellulare, molto importanti per mantenere i nostri tessuti più giovani nel tempo, riducendo il rischio di patologie correlate all’invecchiamento.

Come in tutta la gamma di frutti è presente il fruttosio, lo zucchero della frutta, pertanto il consiglio è quello di gustarli al naturale, o con un po’ di limone il quale potenzia l’assorbimento della vitamina C presente.

Secondo la comunità scientifica, mangiare una porzione al giorno di frutti di bosco permette infatti di migliorare le nostre difese contro l’invecchiamento, favorire l’elasticità di vasi sanguigni e tessuti, combattere processi infiammatori gravi, tenere sotto controllo il peso corporeo e mantenersi di buon umore.

Far man bassa di questi frutti una volta tanto non comporta strane controindicazioni, consiglio pertanto scorpacciate frequenti!

 

A cura di Daniela Scaccabarozzi: Biologa Nutrizionista ed Ecologa